Erotismo e fotografia: il caso di Alfred Cheney Johnston

Ziegfeld Model - Risque - 1920s - by Alfred Cheney Johnston

Una ballerina delle Ziegfeld Follies, fotografata da Johnston intorno al 1920

L’erotismo in fotografia è come certi cocktail apparentemente facili da preparare, ma che è difficile bere con soddisfazione. Ordino il mio amato Bloody Mary sempre con una certa cautela, perché spesso mi viene servita una specie di sciacquatura dal vago retrogusto di pomodoro, liquidissima, con troppa vodka oppure semi-analcolica, con un eccesso di Worcester oppure ingredienti fantasia scelti dal barman in vena di improvvisazioni. Ecco: l’erotismo fotografico mi fa lo stesso effetto. Sembra che chiunque, disponendo di una reflex e di una modella (o di un modello) compiacente, possa realizzare scatti artisticamente osé, degni di vincere concorsi ed essere pubblicati su riviste patinate. Eppure, nella vita, mi è capitato raramente di imbattermi in fotografia erotica degna di essere tramandata alla posterità (esattamente come di bere dei Bloody Mary ben preparati). Continua a leggere